Menu

di MICHELE M.

Sono una mamma di due bambini che frequentano la prima e la seconda elementare. Perché durante il pomeriggio i nostri figli non hanno il diritto al riposo? Perché dobbiamo passare interi pomeriggi sui libri ad aiutarli a fare i compiti? Non siamo insegnanti ma genitori. Perché i miei figli non riescono a dedicare allo sport più di un giorno alla settimana perché oberati dai compiti? Perché le vacanze sono tali soltanto per i docenti e non per i nostri figli, ai quali vengono sempre assegnati tantissimi compiti? Moltissimi esperti pediatri, pedagogisti, neuroscienziati e psicologi affermano che i compiti sono inutili, dannosi e discriminanti; eppure in Italia continuano ad essere assegnati! Secondo quale logica pedagogica, scientifica o psicologica avviene tutto questo?