Mission di Basta Compiti

Questo sito raccoglie i documenti di riferimento “ufficiali” e tutte le iniziative che vengono di volta in volta intraprese nel gruppo Facebook "BASTA COMPITI!", nato per promuovere e sostenere azioni volte a superare una pratica inutile e dannosa, quella dei “compiti a casa”, favorendo la riflessione e il confronto tra i partecipanti, la condivisione di proposte e la segnalazione di possibili alternative didattiche. 

Moduli e documentazione

Leggi e scarica moduli e documentazione relativa ai compiti a casa.

Il gruppo Facebook

Con più di 14000 utenti iscritti, il gruppo è il fulcro della nostra attività. Iscriviti per restare aggiornato su iniziative ed eventi organizzati per i nostri membri.

Firma la petizione

Più di 35000 persone hanno già firmato la nostra petizione per l'abolizione dei compiti a casa, tra cui personalità di spicco nel mondo della pedagogia e della psicologia.

Chi siamo

Il nostro team di volontari
Maurizio Parodi

Maurizio Parodi

Fondatore, Amministratore e Portavoce del gruppo
Mara Verzilli

Mara Verzilli

Referente per la petizione “Basta compiti!”
Daniela Ciannella

Daniela Ciannella

Moderatore
Barbara Basso

Barbara Basso

Coordinatore del sito
Giovanni Lumini

Giovanni Lumini

Responsabile del progetto: "Basta Compiti! - Il Documentario"

Iscriviti alla newsletter

Testimonianze

-------------
Giampiero Monaca

Giampiero Monaca

Docente di scuola primaria

"I compiti servono solo a delegare ad altri, l'attività che, invece, dovrebbe essere la prima e principale mansione dell'insegnante: insegnare."

Gianluca Campana

Gianluca Campana

Psicologo, Psicoterapeuta e Professore di Psicologia Generale all’Università di Studi di Padova

"Studi e ricerche suggeriscono che i compiti a casa non abbiano alcuna efficacia sul rendimento scolastico per una buona parte della scuola dell’obbligo. Gli effetti deleteri sono invece sempre presenti!"

Lara Cardella

Lara Cardella

Scrittrice e Docente di Scuola secondaria di secondo grado

"Ho deciso di aderire a questa iniziativa perché la sento in sintonia con il mio modo d'intendere la scuola e di insegnare"

Gli ultimi articoli