La missione principale della scuola non è più insegnare cose

Pubblicato da Redazione Basta Compiti il

Non credo nel ruolo dogmatico dell’insegnante che detiene la conoscenza e la trasmette agli alunni che non sanno niente e devono limitarsi ad ascoltare e prendere appunti, annoiati, in silenzio. Con questa modalità, i bambini imparano soltanto a stare zitti, svanisce la loro curiosità e lo spirito critico. La scuola invade sempre di più la vita dei bambini e il loro tempo. I compiti stessi non hanno alcun valore pedagogico: non servono né ad approfondire né a recuperare.

Nell’aula che immagino io non c’è cattedra, ma banchi attorno ai quali sedersi tutti insieme, alunni e docenti, per condividere conoscenze, domande, contraddizioni, e intraprendere la ricerca della verità, che non è unica né immodificabile. Il maestro ha il ruolo di facilitatore, che ascolta, propone metodi ed esperienze interessanti di apprendimento, accoglie le opinioni dei ragazzi e mostra curiosità nei confronti delle loro conoscenze ed esperienze. Francesco Tonucci

https://webdelmaestrocmf.com/portal/francesco-tonucci-la-mision-principal-de-la-escuela-ya-no-es-ensenar-cosas/?fbclid=IwAR0URIWmUQAAsmAusUIpU5jrh-PQ2JvEd19bTU4jA-cwybYavwazaLNVILo


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *