Ripensare i compiti per quest’anno e oltre

Pubblicato da Mary Davenport il

Uno sforzo a livello scolastico per ridurre i compiti a casa ha portato a una rinnovata attenzione per garantire che tutto il lavoro assegnato aiuti davvero l’apprendimento degli studenti.

Di Mary Davenport16 dicembre 2020

Insegnante che conduce una lezione virtuale nella sua classe vuotaXinhua / Alamy Foto StockEro orgoglioso delle mie grandi aspettative, compreso il mio fermo impegno a rendere conto del regolare completamento dei compiti tra i miei studenti. Ma il trauma del Covid-19 mi ha spinto a riflettere e ad adattarmi. Ora, quando penso allo scopo e alla pratica dei compiti, due concetti chiave mi guidano: profondità sull’ampiezza e benessere degli studenti.I compiti sono stati a lungo oggetto di un intenso dibattito e non esiste una risposta facile per quanto riguarda il suo valore. Gli insegnanti assegnano i compiti per una serie di motivi: è tradizionale farlo, fa sì che gli studenti esercitino le loro abilità e consolida l’apprendimento, offre l’opportunità di una valutazione formativa e crea buone abitudini di studio e disciplina. Poi c’è la questione del ritmo. Nel corso della mia carriera, ho assegnato i compiti principalmente perché non c’è abbastanza tempo per fare tutto in classe.UN APPROCCIO DIVERSODa quando le lezioni sono online, la scuola in cui insegno ha compiuto uno sforzo consapevole come comunità di insegnanti per ridurre, perfezionare e distillare il nostro curriculum. Abbiamo applicato domande guida come: cosa è più importante? Cosa è più trasferibile? Cos’è più rilevante? Rifocalizzarsi su ciò che conta di più ci ha inevitabilmente fatto ripensare ai compiti.Ci siamo avvicinati sia a chiedere che a rispondere a queste domande attraverso una lente di scienza dell’apprendimento. In Make It Stick: The Science of Successful Learning, gli autori sostengono che il deep learning è un apprendimento lento. L’apprendimento profondo richiede tempo per il recupero, la pratica, il feedback, la riflessione e la revisione dei contenuti; alla fine richiede lotta, e non c’è lotta senza tempo.Come qualcuno che ha padroneggiato lo stile di mappatura del curriculum di “fallo per andare avanti per fare la prossima cosa”, usare un approccio di “rallenta e riduci” è stato un bel cambiamento per me. Tuttavia, il cambiamento è stato necessario: ciò che conta di più è ciò che è meglio per i miei studenti, al contrario dei miei piani o dei miei mandati imposti da altri.ASCOLTO DEGLI STUDENTIPer implementare questo cambiamento, il dipartimento di inglese del mio liceo ha ridotto contenuti e testi sia in termini di quantità di unità che di contenuto all’interno di ciascuna unità. Siamo più flessibili con date e scadenze. Spendiamo le nostre energie pianificando l’unità corrente invece delle unità dell’anno. In vera collaborazione con i miei studenti, sono costantemente in contatto con loro tramite moduli Google, chat Zoom, conferenze e attività Padlet. In questi check-in, chiedo specificamente agli studenti come gestiscono il carico di lavoro per la mia classe e le loro altre classi. Chiedo loro quanti compiti stanno facendo. E aggiusto quello che faccio e mi aspetto in base a quello che mi dicono. Ad esempio, quando scopro che una settimana è pesante con il lavoro in altre classi, mi assicuro di dedicare più tempo durante le lezioni per i miei compiti. A volte ho persino ritardato o modificato uno dei miei compiti.Per essere completamente trasparente, il “vecchio” me è imbarazzato nell’ammettere che ho cambiato così radicalmente il mio modo di pensare riguardo ai compiti. Tuttavia, sia i miei studenti che io abbiamo raccolto numerosi vantaggi. Ora sono concentrato sul laser quando progetto ogni minuto delle mie lezioni per massimizzare l’insegnamento e l’apprendimento. Ogni decisione che prendo viene ora esaminata attraverso la lente del valore assoluto per la crescita dei miei studenti: se non funziona, viene tagliata. Prendo anche in considerazione ciò che è più rilevante per i miei studenti.Ad esempio, il nostro team inglese di 10 ° grado ha ridisegnato un’unità che esplora le attuali manifestazioni di oppressione sistemica. Questa unità ha un approccio nuovo e una durata più lunga di quanto non fosse pre-Covid, e ha portato all’apprendimento più profondo e difficile, nonché alle conversazioni più ricche, che ho visto tra gli studenti nella mia carriera. Parte di questa migliore qualità deriva dal frequente e intenzionale pause che chiedo agli studenti di fare per riflettere sul contenuto e sull’arco del proprio apprendimento. La riduzione dei contenuti che dobbiamo ottenere nell’apprendimento online mi ha dato più tempo per assegnare suggerimenti riflessivi e per consentire agli studenti di elaborare i loro pensieri, sia che ciò avvenga alla fine di una lezione come una ricevuta di uscita o come un compito.UNIRE LE FORZE PER ESSERE COERENTINon c’è dubbio che questa riduzione dei compiti a casa sia stata uno sforzo di squadra. All’interno del dipartimento di inglese, abbiamo tutti concordato di assegnare il tempo di lettura durante le lezioni; in ogni livello scolastico, stiamo monitorando la quantità di compiti che i nostri studenti hanno collettivamente; e in tutta la scuola superiore, abbiamo adottato una struttura che ci aiuta a pensare attraverso l’assegnazione dei compiti.In questo quadro, gli insegnanti della scuola concordano sul fatto che l’opzione migliore è che gli studenti completino tutto il lavoro durante la lezione. La seconda migliore opzione è che gli studenti finiscano il lavoro in classe incompleto a casa come un compito a casa di meno di 30 minuti. L’ultima opzione, quella che cerchiamo di evitare il più possibile, è che gli studenti vengano assegnati e completino un nuovo lavoro a casa (comunque meno di 30 minuti). Ho impostato un limite di tempo massimo per i compiti a casa degli studenti (ad es. 30 minuti) e lo chiarisco all’inizio di ogni compito.Questo approccio scolastico ha accresciuto la mia umiltà come insegnante. In passato, tendevo a pensare che la mia materia fosse più importante di quella di tutti gli altri, il che mi dava la licenza per assegnare più compiti. Ma ora vedo l’esperienza dei miei studenti in modo più olistico: tutte le loro classi e il lavoro associato devono essere considerati e rispettati.Come sempre, ho fondato questo nuovo approccio pedagogico non solo su ciò che è meglio per l’apprendimento accademico degli studenti, ma anche su ciò che è meglio per loro socialmente ed emotivamente. Il 2020 è stato traumatico per educatori, genitori e studenti. Non c’è dubbio che il livello di trauma varia notevolmente; tuttavia, non si può discutere con il fatto che i compiti in genere significano più tempo davanti allo schermo quando gli studenti trascorrono già la maggior parte della giornata sui loro dispositivi. Hanno bisogno di riposare gli occhi. Non hanno bisogno di stare seduti alle loro scrivanie. Hanno bisogno di attività fisica. Hanno bisogno di tempo per non fare niente.Eliminare o ridurre i compiti a casa è un intervento sociale ed emotivo, che mi porta a trarre il massimo beneficio dalla riduzione del carico dei compiti: gli studenti sono più coinvolti nel loro rapporto con me ora che hanno meno compiti a casa. Quando gli studenti si fidano di me per prendere sul serio il loro tempo, quando si fidano di me per ascoltarli e adeguarsi di conseguenza, quando si fidano di me per prendersi cura di loro … si fidano più in generale.E che bel mondo di apprendimento si può costruire sulla fiducia.

By Mary Davenport

December 16, 2020

https://www.edutopia.org/article/rethinking-homework-year-and-beyond?fbclid=IwAR0mD5RLmErmNKl3so7crw-kaQCzIaJ8T9zAM3-joJpsfOekkLBUQSI0C_c


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *